Login

Punta Ristola, Meliso e grotte di rada - Santa Maria di Leuca - Salento

 

 

Punta Ristola e Punta Melisosono le due punte che delimitano il piccolo golfo che racchiude il centro di Leuca. L’estremo tacco d'Italia è identificabile con Punta Ristola (basta guardare una carta nautica o una foto scattata dal satellite). Punta Mèliso invece viene considerata il punto di separazione fra la costa adriatica (ad est) e la costa ionica (a ovest). Si tratta, tuttavia, di una semplificazione di comodo riportata da leggende, scritti e credenze popolari che considerano Punta Meliso linea di demarcazione fra le acque del Mar Adriatico e del Mar Ionio. In realtà, il confine ufficiale, fra i due mari è dato dal Canale d'Otranto, ossia lo stretto di mare compreso fra il punto più a est d'Italia (Punta Palascia) e l’Albania. Al di là delle convenzioni, il fatto che da Santa Maria di Leuca sia visibile, in determinate condizioni meteo marine, una linea di separazione longitudinale, ben distinguibile cromaticamente (dovuta in realtà all'incontro fra le correnti provenienti dal Golfo di Taranto e quelle dal Canale d'Otranto), ha da sempre suggerito alla fantasia popolare un confine fisico fra i due mari.

 

Grotta del Diavolo - La grotta "del Diavolo" si trova su Punta Ristola, misura quaranta metri in lunghezza e diciassette in larghezza e conduce direttamente a mare. All'interno sono stati ritrovati interessanti ed unici reperti, rappresentati da ossa, valve, armi e utensili, che fanno pensare ad una frequentazione della grotta sin dal Neolitico. Tali reperti sono oggi conservati nei musei di Lecce e Maglie. Il suo nome deriva da un’antica superstizione popolare, che attribuiva alla presenza di Diavoli i lugubri e poderosi rimbombi che si potevano udire nella grotta che, tra l’altro, è accessibile via terra attraverso un’apertura che si trova sul suo dorso.

 

Grotta Porcinara - Nei pressi di Punta Ristola si incontra la cosiddetta grotta ‘Porcinara’ o ‘Portinaia’, di notevole importanza storica, in quanto gli archeologi nella zona hanno rinvenuto una struttura in doppia cortina muraria, l'eschera. Essa è situata a circa 20 metri sul livello del mare, e il suo nome pare sia dovuto ad una deformazione del nome "Portinara". La grotta è stata scavata in tre ambienti, sulle pareti sono incise delle iscrizioni (dediche a divinità pagane).

 

Grotte Cazzafri – Di toponomastica greca, significherebbe “casa di spuma”. Sono tre cavità che si affacciano sulla rada di ponente e soprattutto al tramonto offrono suggestivi giochi di luce.

       
         
     

 

 

 

 

Previous Next
  • 1
  • 2
Housing Salento - La tua vacanza nel Salento                 Vacanze nel Salento, portale... Read more
SALENTO PASS - VIVI IL SALENTO CON LA TUA SALENTOPASS- UN MONDO DI SCONTI PER TE!!   ACQUISTA LA TUA SALENTOPASS! SCEGLI IL FORMATO PIU' ADATTO ALLA TUA VACANZA: 3... Read more
ESCURSIONI IN BARCA SANTA MARIA DI LEUCA SALENTO Visita il nostro e-commerce www.salentoboattrip.com Offriamo un’ampia scelta di servizi... Read more
www.viaggioavventure.com - sito e blog di viaggi e turismo   Il Madagascar possiede uno dei migliori spot di immersione Il... Read more